Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazione tra l'aumento dell'erogazione di dosi domiciliari della terapia con agonisti degli oppioidi e il sovradosaggio di oppioidi e l'interruzione e sospensione del trattamento


Durante la pandemia di COVID-19, la guida modificata per la terapia con agonisti degli oppioidi ( OAT ) ha consentito ai prescrittori di aumentare il numero di dosi da portare-a-casa per promuovere la continuazione del trattamento.
Non è chiaro se ciò sia stato associato a un aumento del rischio di sovradosaggio.

Si è valutato se l'aumento delle dosi domiciliari di terapia OAT all'inizio della pandemia di COVID-19 fosse associato alla continuazione del trattamento e al danno correlato agli oppioidi.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo ponderato per propensione su 21.297 persone che hanno ricevuto attivamente la terapia OAT il 21 marzo 2020 in Ontario, Canada.
I cambiamenti nella frequenza della dose da portare-a-casa della terapia OAT ( affidamento del farmaco ) sono stati valutati tra il 22 marzo 2020 e il 21 aprile 2020 e gli individui sono stati osservati per un massimo di 180 giorni per valutare gli esiti ( ultima data di follow-up, 18 ottobre 2020 ).

L'esposizione è stata definita come dosi da portare a casa estese nel primo mese della pandemia all'interno di ciascuna delle 4 coorti in base al tipo di terapia OAT e alla frequenza della dose da portare-a-casa di base ( Metadone somministrato giornalmente, 5-6 dosi da portare-a-casa di Metadone, Buprenorfina / Naloxone dispensato giornalmente e 5-6 dosi da portare-a-casa di Buprenorfina / Naloxone ).

Gli esiti primari erano il sovradosaggio di oppioidi, l'interruzione della terapia OAT e la sospensione della terapia OAT.

Tra 16.862 pazienti trattati con Metadone e 4.435 con Buprenorfina / Naloxone, l'età media era compresa tra 38 e 42 anni e il 29.1% al 38.2% erano donne.
Tra gli individui che ricevevano Metadone somministrato giornalmente ( n=5.852 ), l'inizio di dosi da portare a casa è risultato significativamente associato a minori rischi di sovradosaggio da oppiacei ( 6.9% vs 9.5%/anno-persona; hazard ratio ponderato, HR=0.73 ), interruzione del trattamento ( 51.0% vs 63.6%/anno-persona; HR=0.80 ) e interruzione del trattamento ( 19.0% vs 23.9%/anno-persona; HR=0.80 ) rispetto a nessun cambiamento nelle dosi da portare-a-casa.

Tra gli individui che hanno ricevuto Buprenorfina / Naloxone somministrati giornalmente ( n=662 ) non c'è stata alcuna differenza significativa nei risultati tra i gruppi di esposizione.
Tra gli individui che hanno ricevuto terapia OAT somministrata settimanalmente ( n=11.010 per il Metadone; n=3.773 per Buprenorfina / Naloxone ), dosi prolungate di Metadone da portare-a-casa sono state significativamente associate a minori rischi di interruzione della terapia OAT ( 14.1% vs 19.6%/anno-persona; HR=0.72 ) e l'interruzione della terapia ( 5.1% vs 7.4%/anno-persona; HR=0.69 ) e dosi domiciliari prolungate di Buprenorfina / Naloxone sono state significativamente associate a un minore rischio di interruzione della terapia ( 9.5% vs 12.9%/anno-persona; HR=0.74 ) rispetto a nessun cambiamento nelle dosi da portare-a-casa.

Altri esiti primari non sono risultati significativamente differenti tra i gruppi.

In Ontario, Canada, durante la pandemia di COVID-19, l'erogazione di dosi domiciliari aumentate di terapia con agonisti degli oppioidi è stata significativamente associata a tassi più bassi di interruzione e discontinuazione del trattamento in alcuni sottogruppi di pazienti che ricevevano la terapia con agonisti degli oppioidi, e non c’è stato nessun aumento statisticamente significativo dei sovradosaggi da oppioidi nei 6 mesi di follow-up.
Questi risultati possono essere suscettibili di confondimento residuo e dovrebbero essere interpretati con cautela. ( Xagena2022 )

Gomes T et al, JAMA 2022; 327: 846-855

Psyche2022 Farma2022


Indietro