Forum Psichiatrico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Agonisti alfa-2 adrenergici per la gestione dell’astinenza da oppiacei


L’astinenza è un passo necessario prima del trattamento libero da droga o come endpoint nel trattamento di sostituzione a lungo termine.

Un gruppo di Ricercatori dell’University of Adelaide in Australia, hanno compiuto una revisione della letteratura per valutare l’efficacia di interventi che prevedono l’utilizzo di agonisti alfa-2 adrenergici nella gestione dell’astinenza da oppiacei.

Sono stati presi in considerazione gli studi che hanno messo a confronto gli agonisti alfa2-adrenergici con dosi decrescenti di Metadone, farmaci sintomatici o placebo o che hanno confrontato diversi agonisti alfa-2 adrenergici per modificare i segni e i sintomi dell’astinenza nei partecipanti con dipendenza da oppiacei.

Sono stati inclusi nell’analisi 24 studi ( 21 randomizzati e controllati ) per un totale di 1631 persone coinvolte.

Tra gli studi selezionati, 13 hanno messo a confronto un regime di trattamento basato su agonisti alfa-2 adrenergici con uno basato su dosi decrescenti di Metadone.

Le differenze nel disegno dello studio e la valutazione e il modo di riportare gli esiti ha limitato l’analisi quantitativa.

Gli agonisti alfa2-adrenergici sono più efficaci del placebo nel migliorare l’astinenza e, nonostante tassi più elevati di eventi avversi, sono associati a tassi significativamente superiori di completamento del trattamento.

Per il confronto di regimi con agonisti alfa2-adrenergici e regimi con dosi decrescenti di Metadone, i dati disponibili sono risultati insufficienti per l’analisi statistica, ma l’intensità dell’astinenza è sembrata simile tra i due trattamenti o solo marginalmente superiore con gli agonisti alfa-2 adrenergici, mentre i segni e i sintomi dell’astinenza si sono manifestati e si sono risolti più precocemente.

I partecipanti hanno protratto il trattamento più a lungo con Metadone.

Non sono state osservate differenze significative nei tassi di completamento della disintossicazione con agonisti adrenergici rispetto a dosi scalari di Metadone, o con Clonidina ( Catapresan ) rispetto a Lofexidina ( Britlofex ).
La Clonidina è associata a più eventi avversi rispetto a dosi scalari di Metadone.
La Lofexidina non riduce la pressione sanguigna come la Clonidina, ma è per altri aspetti simile alla Clonidina.

In conclusione, Clonidina e Lofexidina sono più efficaci del placebo per la gestione dell’astinenza da Eroina o Metadone.
Non è stata osservata una differenza significativa nell’efficacia per regimi di trattamento basati su Clonidina o Lofexidina e quelli basati su dosi scalari di Metadone in un periodo di 10 giorni, ma il Metadone è associato a meno eventi avversi rispetto a Clonidina e la Lofexidina ha un profilo di sicurezza migliore della Clonidina. ( Xagena2009 )

Gowing L e al, Cochrane Database Syst Rev 2009; (2):CD002024


Psyche2009 Farma2009


Indietro